Retroscena

Se dopo il referendum si voterà, questi 32 Pd sono a fine corsa

1 Dic , 2016  






C’è un gruppetto di parlamentari più nervoso degli altri alla vigilia del referendum di domenica. Un gruppetto cui poco importa in sé di quel che accadrà alla Costituzione italiana (ognuno di loro la pensa assai diversamente dall’altro), molto però delle conseguenze che quel voto potrebbe avere sul proseguimento di questa legislatura. Il gruppetto vive ore […]

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

personaggi

Povero Giachetti, se fa il sindaco va in malora il villone

16 Giu , 2016  






O la poltrona di sindaco di Roma, o la fazenda di Subiaco. Per Roberto Giachetti solo un sogno può realizzarsi. Se dovesse diventare sindaco di Roma domenica prossima battendo contro ogni pronostico Virginia Raggi dovrebbe il giorno dopo mettere il cartello “vendesi” sulla sua tenuta di Subiaco, dove sta trasformando due vecchi casali in una […]

, , , , , , , , , , , , , , , ,

La polemica

L’esperto Pd rivela: i sondaggi di Roma costano poco, sono falsi

22 Mag , 2016  






Dopo avere letto l’ultima rilevazione sul comune di Roma che attribuiva più e mano ad alcuni candidati a poche ore da alcune loro affermazioni pubbliche, il deputato Pd Giacomo Portas (fondatore del movimento dei Moderati) nel cortile di Montecitorio è esploso: “Balle. Tutte balle”. E davanti a colleghi di partito si è lanciato un una […]

, , , , , , , ,

politica

Diba, M5S fuori dal palazzo: scudi umani contro Equitalia

29 Nov , 2014  






Come era accaduto dopo le europee, anche dopo queste mini-regionali è Alessandro Di Battista uno dei leader del Movimento 5 Stelle che sembra avere accusato di più la botta elettorale. Lo incontro alla Camera, e mi dice: “la cosa più brutta è che ormai ci considerano gente di palazzo, non fanno più dfferenza fra noi […]

, , , , , , , , , , , , ,

politica

Giachetti furioso: Bray non ha votato fiducia. Alle urne fra 6 mesi!

28 Ott , 2014  






Roberto Giachetti, vicepresidente della Camera e renziano della primissima ora, sembrava furioso lunedì pomeriggio al termine della seduta di Montecitorio. Ce l’aveva con il suo partito, il Pd, e soprattutto con l’anima perdonista che concederebbe troppo a quei discoli della minoranza. “Possibile che esponenti del partito vadano al corteo della Cgil a gridare slogan contro […]

, , , , , , , , , , , ,