Puntura

Ricci, il prezzemolo-Pd in tv sentenzia su tutto e non sa nulla

7 Dic , 2017  

Spread the love

Non abito a Pesaro, e quindi non conosco nè le buone nè le pessime cose che possa avere lì combinato il sindaco della città, il Pd Matteo Ricci. Non sapendo non mi esprimo, anche se vedendo apparire in decine di trasmissioni Ricci in tv da mane a sera mi chiedo come faccia ad occuparsi pure di Pesaro, visto che è impegnato senza sosta a discettare dell’intero mondo…Quando non conosco le cose, taccio perché non ha senso sparare sentenze e giudizi per il solo gusto della dialettica verbale. Non ho fatto e mai farei in vita mia il politico anche per questo motivo: ne sento troppi vivere di slogan che non hanno alcun legame con i fatti. Ricci in questo è davvero un campione, da record del mondo. Non parla mai di quel che dovrebbe conoscere per esperienza diretta (ad esempio la sua Pesaro), ma è una macchinetta spara-sentenza su qualsiasi fatto mondiale a lui ignoto e mai vissuto personalmente.

Mi è capitato di vedere in azione Ricci, il tuttologo di Pesaro un paio di volte negli ultimi giorni: a Non è L’Arena da Massimo Giletti il 3 dicembre e a Tagadà condotto da Tiziana Panella il pomeriggio del 7 dicembre. Nella prima occasione il sindaco di Pesaro che non ne sa nulla, spiegava che cosa è un terremoto a Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice, cittadina completamente distrutta dal sisma del 2016. Una figura barbina, ma l’importante per lui era rimbeccare qualsiasi cosa avesse detto chi aveva titolo mille volte più di lui per parlare.

Stesso schema di Ricci durante Tagadà, che era dedicato agli scandali bancari. Il sindaco di Pesaro palesemente non conosceva nulla del dettaglio delle vicende di Banca Etruria, del bail in, di Mps e via dicendo. Ma non stava zitto un secondo, eruttando la qualunque pur di fare finire ogni discorso di gente molto più competente di lui in assoluta caciara, in modo che l’ascoltatore non capisse nulla e non  fosse in grado di giudicare.

In sè piccolo esempio, anche se non poi così minimo: Ricci sta ai talk show tv come le cavallette all’Egitto biblico. Però le comparsate di Ricci hanno in sè la chiave della disfatta della politica. Se anche un giovane che inizia la sua carriera politica dalle amministrazioni locali, che dovrebbe imparare sul campo la concretezza dei problemi e la difficoltà delle soluzioni, diventa in così poco tempo una cicaletta pronta a cantare la leggera spensieratezza del nulla, come fa a stupire il poderoso vaffa che emerge sempre di più ad ogni consultazione con le scelte nell’urna e soprattutto con la strabordante decisione di non avvicinarsi nemmeno a quelle urne? Il dramma è che questi sono stati pure allenati a fare così in tv da qualche coach che ha perso ogni contatto con la realtà e che li convince che questo è il modo migliore per fare bella figura. Mi sembra evidente che nelle fila renziane si siano fatti largo quei coach che hanno portato all’auto-distruzione non poca parte delle nuove leve del centrodestra. Da una parte e dall’altra li vedi in tv e ti cadono le braccia: solo commedia studiata, scenetta da palcoscenico, non un refolo di vita e realtà nei loro stucchevoli discorsi. E’ il punto più basso mai raggiunto da quella che vorrebbe essere classe dirigente di questo paese…

Facebook Comments

, , , , , , , , , , ,


Lascia un commento