governo

Renzi fatto a pezzi in tribunale e De Luca esulta

25 Mag , 2015  

Prima notizia: Matteo Renzi si è preso una bella scoppola in tribunale: la Corte di appello di Bari ha fatto letteralmente a pezzi uno dei suoi primi decreti da presidente del Consiglio dei ministri, con cui ha fatto decadere in base alla legge Severino, il consigliere regionale della Puglia, Fabiano Amati (Pd), che era stato condannato in primo grado per falso e abuso di ufficio. Seconda notizia: il primo a stappare champagne per la sconfitta di Renzi è il candidato Pd alla presidenza della Regione Campania, Vincenzo De Lucaamati-emilianoAmati era stato fatto decadere da Renzi dal febbraio 2014 con un decreto presidenziale del 23 aprile 2014. La prima sezione civile della Corte di appello di Bari  presieduta da Vito Scalera ha però bocciato quel decreto, ritenendo ingiustificata la decisione di Renzi e impugnando la legge Severino davanti alla Corte Costituzionale. In tribunale Renzi è stato battuto e pure beffato, perchè il 10 aprile scorso al decaduto Amati sono stati pure rimborsati 48.800 euro per l’indennità da consigliere perduta e perfino per i rimborsi spesa mancati. Non solo: Amati è stato pure ricandidato da Michele Emiliano nel nuovo consiglio regionale della Puglia, ed è in questi giorni in piena campagna elettorale per la riconferma a consigliere regionale nonostante la condanna di primo grado. E proprio per questo De Luca può festeggiare.

Il candidato Pd alla presidenza della Regione Campania in questo momento si trova in una situazione kafkiana: condannato in primo grado per abuso di ufficio, secondo la legge Severino non potrebbe diventare presidente della Regione, perchè anche se eletto verrebbe subito sospeso. Sembra che Renzi gli abbia promesso una modifica  ad hoc alla legge Severino, ma l’imbarazzo per il governo sarebbe davvero eccessivo. Arriva come la manna infatti la batosta del premier in tribunale a Bari: il risarcimento lo pagano i contribuenti italiani, e quindi Renzi non ci rimetterà un centesimo nemmeno con la presidenza del Consiglio. In compenso quella sentenza apre le porte a De Luca per ribaltare la Severino, e la Corte Costituzionale questa volta potrebbe pure fare un bel favore…

, , , , , , , , , , ,


Comments are closed.