Indiscreto

C’è un solo parlamentare che non avrà la pensione

27 Giu , 2016  

Su 945 parlamentari in carica in questa legislatura uno solo alla fine non avrà né vitalizio né la nuova generosa pensione simil-contributiva che deputati e senatori si sono assegnati nel 2012, fingendo un radicale cambio di rotta rispetto al passato. Esclusi i senatori a vita, che avranno il loro stipendio-pensione fino a quando non chiuderanno per sempre gli occhi, 944 parlamentari vivranno ancora di vitalizio, di un mix fra vitalizio e pensione, o di pensione cumulabile con qualsiasi altra cui si abbia diritto una volta raggiunti i 65 anni di età ed avendo terminato il mandato parlamentare.

Uno solo non avrà nulla: Stefano Dambruoso, deputato di Scelta Civica e questore della Camera dei deputati. Potrà godere del trattamento previdenziale da magistrato, categoria a cui apparteneva fino al 2013, quando è stato eletto in Parlamento. Ma non aggiungerà l’onorevole pensione, per il solo fatto che dal primo giorno ha scelto di non versare i 920 euro di contributi (l’8,80% della indennità lorda) necessari ad ottenere la pensione. Dambruoso starà a secco, ma dal primo giorno può godere di una indennità di 920 euro lordi superiore a quella degli altri colleghi. E’ il solo anche perché è l’unico ad avere scoperto che questa rinuncia era consentita, a patto di optare per questa scelta dal primo giorno della legislatura. Perfino sul sito Internet della Camera viene detto il contrario: che il prelievo del contributo è operato d’ufficio, e quindi non sarebbe possibile optare. Lo era, ma a nessun altro collega ormai è consentito farlo…­

Facebook Comments

, , , , , , ,


Comments are closed.