Economia

Renzi pizzica De Benedetti sull’Iva. Lui accusa Soru, è guerra a sinistra

3 Gen , 2015  

Matteo Renzi, attraverso l’Agenzia delle Entrate guidata dalla fedelissima Rossella Orlandi, ha pizzicato Carlo De Benedetti evadere oltre mezzo milione di Iva. L’accertamento del fisco è stato fatto sulla società M&C (ricordate la Management & Capitali nel cui consesso avrebbe dovuto celebrarsi- e non accadde- il matrimonio De Benedetti- Berlusconi?), controllata dalla holding Per spa di cui unico azionista è proprio l’Ingegnere. Mancavano all’appello 617 mila euro di versamenti Iva relativi all’anno 2008, e il conto è stato subito presentato dal fisco.De Benedetti ha deciso di pagare, ma non è finita lì. Perchè la scelta successiva rischia di scatenare una piccola guerra tutta interna alla sinistra italiana. L’Ingegnere ha infatti utilizzato un Dpr del 1972 rivalendosi sul partner commerciale con cui era stato stipulato il contratto privo di quel versamento Iva. E ha presentato una fattura da 617 mila euro tondi a Tiscali Financial Services Sa, la società lussemburghese del gruppo Tiscali di Renato Soru, altro imprenditore Pd di riferimento, che sembra avere gradito assai poco la mossa. Mentre è in corso quel regolamento dei conti fra i due finanzieri di sinistra, la Orlandi non ha perso tempo, inviando a De Benedetti per le stesse società un’altra contestazione, questa volta relativa al 2009: 80 mila euro di Iva non versata. La somma era meno rilevante, e alla fine l’Ingegnere ha deciso di pagare senza opporsi nè rivalersi su chicchessia. Tanto non ha sborsato un euro: è riuscito a compensare con altri crediti che vantava dal fisco, e l’evasione Iva è finita in gloria…

Facebook Comments

, , , , , , , , , , , , , , ,


Comments are closed.