Clamoroso

Responsabilità civile dei pm? Un altro bluff di Renzi

29 Feb , 2016  

Matteo Renzi se ne è perfino vantato davanti ai giovani della scuola di formazione del Pd. Quale è stata la sua riforma più importante? Il job act? La legge elettorale? La trasformazione del Senato (che non è ancora legge)? Macchè, secondo il premier la cosa più importante fatta è avere iniziato a riformare la giustizia. E in questo il suo fiore all’occhiello è la legge sulla responsabilità civile dei magistrati, approvata ed entrata in vigore nel gennaio dell’anno scorso. Renzi però non aveva letto la relazione sullo stato della giustizia depositata in Parlamento dal suo ministro Andrea Orlando. Perchè avrebbe capito che anche quella riforma si è rivelata alla prima prova il solito bluff…relazionemagistratiPerchè la legge ha ingolosito le vittime della mala giustizia. Che speranzose e fiduciose nella prosopopea con cui Renzi aveva accompagnato il varo delle nuove norme, hanno provato a denunciare i giudici secondo loro responsabili delle sventure in cui erano incappati. Le denunce sono state il doppio dell’anno precedente. Ma i risultati sono stati nulli: nessuna condanna finora ottenuta nei confronti di un magistrato. Più o meno come prima. Anzi, addirittura meno di quanto non avvenisse senza riforma.

magistratiDice la relazione Orlando: “Il contenzioso in esame ha subito un incremento presumibilmente determinato dalla entrata in vigore della legge n. 18 del 2015. In particolare, nell’anno 2015 si sono registrati 70 ricorsi, rispetto ai 35 dell’anno precedente, con un aumento, quindi, del 50%. Considerato che il ricorso per la responsabilità civile dei magistrati è proposto contro la Presidenza del Consiglio dei ministri e che il Ministero della giustizia è competente solo per la fase istruttoria, non si può che osservare che la percentuale delle condanne, sinora, è stata insignificante (pari allo 0,01 %), e che nel corso del 2015 non si è registrato alcun caso di condanna”. Fin qui il consueto bluff mostrato dal governo Renzi…

Facebook Comments

, , , , , , , ,


Comments are closed.