Clamoroso

Ai terremotati lo Stato offre meno che ai profughi

2 Ott , 2016  

Al momento l’accordo non c’è. Entro fine settimana la protezione civile avrebbe voluto iniziare a smantellare le tendopoli marchigiane, quella sulla Salaria dove sono accolti gli sfollati di Pescara del Tronto e quella di Arquata nella piana subito sotto il paese sventrato dal terremoto. Siccome molti sfollati non hanno alcuna intenzione di farsi deportare a km di distanza, non fidandosi delle promesse fatte, la Protezione civile da qualche settimana ha cercato soluzioni alternative, scoprendo due strutture ricettive diverse che non risultano danneggiate dal terremoto a pochi km dal paese.

countryhousearquataLa prima è formalmente di proprietà del Comune, e si chiama Country House: è un B&B privo di cucina, che il comune aveva dato in gestione all’Ente Parco dei Monti Sibillini, che a sua volta lo aveva fatto gestire da una cooperativa anconetana dove lavoravano anche alcuni parenti di amministratori della giunta comunale.

hotelcamartina3La seconda struttura è invece privata, ed è un albergo a tre stelle della zona: l’Hotel Camartina, immerso nel verde e dotato anche di cucina. A quel punto è iniziata la trattativa con i gestori, a cui è stato sottoposto dalla protezione civile un primo contratto di utilizzo della struttura offrendo per ogni terremotato ospitato un prezzo base di 25 euro al giorno comprensivi di Iva, che per chi incassa significano circa 22-23 euro al giorno.

arq26agopaeseIl contratto è stato rifiutato, perchè secondo i proprietari dell’hotel l’offerta era inferiore al costo che avrebbero sopportato. E’ noto anche agli albergatori marchigiani che la maggiore parte dei contratti proposti dallo Stato a strutture private per ospitare profughi e immigrati in zone dove non ci sono centro di accoglienza pronti è assai più alto: si va dai 32 ai 45 euro a profugo. In media secondo un recente rapporto dello Sprar si spende in questi casi per l’accoglienza provvisoria degli immigrati una media di 35 euro al giorno.

tendopoliconimeprmeabili3Certo, a rappresentare lo Stato sono amministrazioni diverse. La Protezione civile dipende dalla presidenza del Consiglio, la gestione dei profughi e degli immigrati dipende invece da strutture incardinate presso il ministero dell’Interno e spesso il prezzo offerto agli albergatori varia da territorio a territorio con decisioni prese dalle singole prefetture a seconda delle emergenze del momento. Però fa un certo effetto quel prezzo base offerto per ospitare i terremotati assai inferiore a quello concesso per i profughi.

casermaguardiaforestalearquataLa protezione civile sostiene che il tariffario deriva da accordi pre-esistenti con associazioni di categoria, ma è un fatto che la trattativa sugli alberghi di Arquata sia in corso, e ci siano già stati molti incontri dove è stata manifestata la possibilità di alzare un po’ quella offerta, con la promessa di pagamento a 60 giorni del dovuto (in un primo momento nel contratto proposto nulla di questo tipo veniva formalizzato e chi trattava a voce aveva spiegato che i pagamenti possono avvenire solo quando c’è denaro in cassa, condizione che non rassicurava troppo gli albergatori).

arquatavecchia2In questo momento la trattativa è in corso, e non si è ancora raggiunta la “quota profugo” per i terremotati. Ma c’è urgenza di smantellare le tendopoli, come si è già iniziato a fare ad Amatrice. Il meteo è stato meno tragico di quel che si pensava, ma i giorni passano e la temperatura comunque scende sensibilmente almeno nelle ore notturne. L’altra notte è stato male uno degli anziani simbolo della tendopoli, Alberto, che insieme alla moglie Nazzarena è stato spesso intervistato dalle tv per la grande forza mostrata nella tragedia.

arquatavecchia1Respirava male, aveva la febbre altissima, e hanno dovuto trasferirlo di urgenza in ospedale, dove è stata diagnosticata una sospetta broncopolmonite. Non c’è molto tempo da perdere sulla questione economica, perché in quelle tende soprattutto persone anziani e bambini sono fortemente a rischio. La nuova bozza di trattativa sembra arrivare oltre i 30 euro, ma lasciando agli albergatori (sia il privato che il Comune) l’onere di mettere a posto in fretta le strutture che hanno resistito sì al terremoto, ma qualche piccola ferita che non ne mettono a rischio l’agibilità, mostrano.

giochitendopoliarquataQuesta incertezza fa sentire abbandonati una volta di più i terremotati marchigiani, che hanno ormai i nervi a fiore di pelle. Si è capito anche nell’ultimo week end, quando a un mese esatto dal terremoto, gli abitanti delle tendopoli si sono dovuti sorbire la consueta e inutile sfilata di personalità istituzionali con in testa il presidente della Camera, Laura Boldrini.

dercole_300Qualche fischio, evidente insofferenza per l’ennesimo tour, e anche una clamorosa protesta ufficiale. Questa è stata scatenata dai terremotati di Pescara sul Tronto (il cui campo chiuderà fra qualche giorno), perché il vescovo di Ascoli Piceno- Monsignor Giovanni D’Ercole– ha deciso di celebrare messa di trigesima in ricordo delle vittime solo nel campo di Arquata. Scelta non felicissima, perché se Arquata ha pianto tre morti, Pescara ne ha avuti quasi 50 sotto le macerie. Nessuno ha pensato alla par condicio fra campi, e così i terremotati ignorati dal loro vescovo sono arrivati nell’unica messa celebrata con striscioni di protesta che hanno imbarazzato tutti.

petrucciNon sembra ottimista su quel che sta accadendo nemmeno il sindaco di Arquata, Aleandro Petrucci, che in queste settimane ha passato gran parte del suo tempo a ricevere politici e membri del governo desiderosi di vedere le zone devastate dal terremoto (ultimo il sottosegretario all’Interno, Gianpiero Bocci): il primo cittadino non crede alla promessa sull’arrivo entro inizio della primavera delle casette provvisorie di legno dove tutti gli abitanti dovrebbero essere sistemati. In un primo tempo il governo aveva assicurato che entro Natale la soluzione sarebbe stata possibile, poi è slittata a primavera. Petrucci non ci crede: “credo che non ce la faranno a costruire le infrastrutture necessarie per quella data, e immagino che si slitti all’estate prossima”…

Facebook Comments

, , , , , , , , ,


Comments are closed.